Il campo da padbol ha una struttura “a gabbia” simile a quella del padel tennis con la differenza che quest’ultimo necessita di una superficie più grande rispetto a quello del padbol. Le dimensione di un campo da padbol sono 10 metri di lunghezza per 6 di larghezza con una rete di 90 cm circa che divide perfettamente in due l’intera area. Il campo è diviso in tre sezioni: la sezione rossa è posta sottorete e misura un metro in lunghezza da entrambi i lati, la sezione di ricezione ha una superficie che misura 2,50 metri in lunghezza da entrambi i lati e parte dalla fine della zona rossa, la sezione di servizio misura 1 metro e mezzo di lunghezza su entrambi i lati del campo e parte alla fine della zona di ricezione. Le reti perimetrali sono in plexiglas e di metallo e sono alte ….metri. La superficie di un campo da padbol può essere in sintetico o pvc (come indicato ufficialmente dalla federazione FIPA). Per l’installazione è necessaria una superficie perfettamente piana alla quale verrà applicato un massetto di cemento per garantire massima stabilità. L’ingombro esterno minimo è di un metro per lato.

La palla per giocare a padbol ha una superficie completamente piatta di colore bianco o giallo.  Ha una dimensione più piccola del pallone da calcio e un peso variabile dai 380 ai 400 grammi.

Il gioco inizia con la battuta che deve essere eseguita nella zona di servizio con il pallone che deve essere colpito solo dopo aver rimbalzato a terra. Una volta effettuata la battuta con la palla spedita nel campo avversario, la squadra che riceve deve rimandarla solo dopo aver effettuato un minimo di due scambi al volo e un massimo di tre. Ogni giocatore può effettuare un solo tocco (non può palleggiare). La squadra che riceve non può colpire la palla al volo ma deve aspettare che rimbalzi una volta nel proprio campo, a meno che uno dei due giocatori riceventi non si trovi nella zona rossa sottorete, in quel caso la sfera può essere rimandata nel campo degli avversari senza farla rimbalzare. Sono ammesse tutte le parti del corpo eccezion fatta per braccia e mani. Il limite minimo di due tocchi può essere superato non caso in cui il giocatore dopo aver colpito una volta la palla la fa rimbalzare su una delle pareti perimetrali rimandandola nel campo avversario. Le pareti possono essere utilizzate anche come sponda per poter scambiare la palla con il proprio compagno senza che il tocco sulla parete conti come uno dei tre rimbalzi massimi consentiti dal regolamento. La squadra che riesce a mandare il pallone nel campo avversario senza che esso riesca ad essere rimandato indietro conquista un punto che segue le regole del tennis classico (15,30,40, game). Vince la squadra che per prima conquista 2 set su 3 (ogni set, come nel tennis, è di 6 game).